SERRASTRETTA TRIBUTA LA SUA DALIDA

Serrastretta, Venerdì 17 Febbraio 2017 - 18:00 di Angelo Aiello

     Dolce e amaro, ombre e luci, la vita e la carriera di Cristina Iolanda Gigliotti  in arte Dalida.

Il film ha ottenuto il massimo di visioni della serata televisiva. 

Il film nato per la sala cinematografica ha lasciato estasiati molti ed un poco delusi altri estimatori. C’é da dire che l’intreccio di una carriera inarrivabile per successi con un vissuto drammatico, al punto di aver fatto assurgere a Mito la figura di Dalida, ben difficilmente si può raccontare in modo lineare  in due ore di pellicola per di più adattate per la visione televisiva.

     Una sala gremita quella del Palazzo Pingitore di Serrastretta che nella serata del 15 di febbraio ha visto proiettare in prima mondiale il film “Dalida”.

     L’Associazione Dalidà, in collaborazione con l’amministrazione comunale nella persona del sindaco Felice Maria Molinaro, ha voluto ancora una volta rendere onore all’amata concittadina invitando alla visione del film di Lisa Azuelos, interpretato magistralmente da Sveva Alviti e Riccardo Scamarcio.

      Presenti alla prima assoluta televisiva, oltre il sindaco Molinaro, l’amministrazione comunale, i soci dell’Associazione Dalida, il presidente del Gal dei due Mari Francesco Esposito, l’avv. Enrico Mazza del consorzio Dream, la giornalista Rosalba Paletta, la scrittrice di Vibo Valentia Titti Preta che ha donato all’Associazione Dalida il suo libro fresco di stampa, intitolato Cercando Jolanda. Vita in controluce di Dalida “la calabrese di Parigi”, il prof. Mario Gallo storico, scrittore nonché già preside dell’Istituto Superiore della vicina Decollatura, grande estimatore e affezionato di Serrastretta, della sua gente, della sua storia delle sua artigianalità. 

Il professor Gallo ha ultimato una monografia storica su Serrastretta, in corso di stampa e che, per il suo contenuto, sarà a giusta causa inserita negli eventi di quest’anno celebrativo in onore della Diva.

    Le persone che hanno onorato l’invito, ospiti e residenti, sono una minima parte rispetto a quanti da lontano hanno idealmente seguito e apprezzato lo stare insieme a Serrastretta per l’occasione.

Mi riferisco ai numerosi fans italiani e non che dai social hanno appreso la notizia manifestando il rammarico di non poter essere insieme a Serrastretta, per ovvi motivi.

       La serata è stata introdotta dal segretario dell’Associazione Dalida, Angelo Aiello e  dal  presidente Francesco Fazio circondati da numerosi soci, ed ha preso l’avvio con la consegna e agli ospiti presenti del calendario  commemorativo 2017, anno particolarmente significativo per Serrastretta: si celebra, infatti, i cinquantacinque anni dalla visita storica dell’artista al suo paese d’origine, il trentesimo anno dalla sua scomparsa, il quindicesimo della nascita dell’Associazione Dalidà e il decimo dell’istituzione Casa Museo Dalida.

L’Associazione e l’Amministrazione, inoltre, hanno voluto omaggiare i presenti in sala della visione, in anteprima, di un medley audiovisivo di riprese storiche dalle quali traspare l’attaccamento dell’artista Dalida all’Italia e, in particolare, alla sua Calabria e alla sua Serrastretta.

Questo è stato solo il primo di una lunga serie di eventi che si susseguiranno nell’arco dell’intero anno, e speriamo non solo!

Galleria fotografica

6 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code